il primo numero di Pagina99Oggi esce in edicola pagina99. Un nuovo giornale è sempre una buona notizia: è sempre un po’ più di democrazia.

Ma Pagina99 avrà gambe? Oltre il colore della carta e dei titoli quale sarà l’elemento distintivo del quotidiano diretto da Emanuele Bevilacqua, Roberta Carlini e Jacopo Barigazzi? Scopriamolo dalle loro parole:

“L’economia e la cultura saranno le nostre lenti e bussole; troverete forse meno politica di palazzo, e più politica reale, quella che ha ricaschi concreti nella vita di tutti i giorni; meno Italia e più mondo; e una grande attenzione a tutto quel che può rompere l’immobilismo economico e sociale in cui l’Italia è precipitata, e non solo per colpa della Grande Recessione.”

Basterà questa impostazione a rendere l’esperienza editoriale di Pagina99 sostenibile? Lo spero proprio: perché il nostro Paese da un po’ ha perso la strada della credibilità per inseguire quella delle urla ed ora invece ne ha un bisogno disperato per non perdersi definitivamente.
Lo spero anche per un altro motivo spiegato chiaramente da Bevilacqua, Carlini e Barigazzi:

Siamo contro la rendita – in tutte le sue forme -, e un po’ anche per questo abbiamo scelto il numero 99: compagnia numerosa ma poco ascoltata, si sente di più, nell’economia e nella politica e anche nel pensiero, il peso dell’1% che sta al top della economia e della politica, quello che ha qualche colpa nella crisi e nessuna intenzione di ridurre la sua fettina di torta

Spero di sì ma so che sarà difficile, complicata almeno quanto svuotare il mare con il cucchiaino e quindi in bocca al lupo Pagina99! In bocca al lupo anche per noi.